I sex toys vengono riabilitati anche in campo clinico


Add to Flipboard Magazine.

In principio era utilizzato per la cura dell’isteria che passò da quello che era chiamato ‘trattamento pelvico manuale‘ all’uso di vibratori più o meno rudimentali. Oggi i sex toys vengono riabilitati anche in campo clinico, riconoscendo loro una lunga serie di benefici.

“Il concetto è stato ribadito al recente incontro dell’American Urological Association” sottolinea il Professor Salvatore Sansalone urologo e andrologo “i sex toys quindi non solo entrano in camera da letto dalla porta principale, scrollandosi di dosso il velo di vergogna di cui erano ammantati. Maentrano a far parte anche dell’armamentario terapeutico urologico. In primis perché il piacere sessuale è un diritto e contribuisce al benessere degli individui e in secondo luogo perché è stato accertato che la stimolazione dei tessuti dell’area genitale ha effetti benefici e terapeutici”.

Storicamente le ricerche avevano evidenziato cambiamenti favorevoli nel flusso sanguigno e nel tono muscolare dei tessuti genitali, un miglioramento della soddisfazione sessuale e della risposta orgasmica.

Nelle donne con disfunzione del pavimento pelvico l’uso del vibratore è stato associato ad una diminuzione dell’incontinenza urinaria e ad un miglioramento della forza muscolare pelvica. Mentre in quelle con vulvodinia i vibratori diminuiscono il dolore e migliorano il piacere sessuale.

E’ tornata sull’argomento di recente da Dottoressa Alexandra Dubinskaya del Cedars-Sinai Medical Centre di Los Angeles che ha presentato una metanalisi* che ha sottolineato come i sex toys debbano essere considerati una tecnologia a beneficio dei pazienti anche nella pratica clinica .

La lunga storia del vibratore

Basti pensare che dopo il massaggio pelvico utilizzato nei casi di isteria femminile si è passati a forma di idroterapia con lavande pelviche e rudimentali vibratori elettrici manuali che erano usati per trattare stitichezza, artrite e dolori muscolari e a San Francisco esiste un museo dedicato a questo strumento e alle sue evoluzioni nella storia.

Dopo un lungo periodo di oscurantismo legato all’immagine dei giocattoli sessuali nella pornografia i vibratori moderni hanno un aspetto meno allusivo e maggiormente tecnologico tanto da meritare di nuova considerazione negli ambulatori urologici.  La revisione sistematica presentata all’American Urological Association ha selezionato 558 abstract di cui 21 soddisfacevano tutti i criteri di inclusione.

Gli studi sulla disfunzione sessuale hanno mostrato che la stimolazione data dal dispositivo vibrante facilita la vasodilatazione, il flusso sanguigno, la perfusione e il metabolismo dei tessuti con un miglioramento significativo nel punteggio dell’indice di funzione sessuale femminile (P<0,001) oltre ad un aumento dell’eccitazione, e dell’intensità del piacere a cui si aggiunge una riduzione del tempo per raggiungere l’orgasmo e la riduzione dell’ansia.

Negli studi sulla disfunzione del pavimento pelvico l’uso del vibratore è stato associato ad una riduzione significativa (P<0,001) minore incontinenza urinaria da stress, con un marcato miglioramento del tono del pavimento pelvico.

L’unico studio sula vulvodinia, invece, ha mostrato che dopo 4/6 settimane di utilizzo del vibratore, le donne hanno riportato una riduzione del dolore percepito e un aumento del piacere.

“L’uso dei sex toys non deve essere considerato un tabù infatti già qualche anno fa la maggior parte delle donne e oltre il 40% degli uomini dichiarava  di averli utilizzati almeno una volta nella vita” conclude Sansalone.

 

 



Devi essere registrato per inviare un commento Entra o registrati