L’Italia nel Comitato UNESCO per la tutela del patrimonio culturale da illeciti


Add to Flipboard Magazine.

UNESCOL’Italia è stata eletta ieri con un mandato quadriennale al neo-costituito Comitato consultivo della Convenzione UNESCO (del 1970) sugli strumenti per proibire e prevenire l’illecita importazione, esportazione e trasferimento di proprietà dei beni culturali. “E’ un successo di sistema che premia l’impegno pluriennale del MAE, del MiBAC e del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale” ha commentato il sottosegretario agli Esteri, Mario Giro.

L’Italia ha sperimentato approcci innovativi per favorire la restituzione di opere illecitamente sottratte, che sono considerati buone pratiche e fonte d’ispirazione per molti Paesi.

In questi anni l’Italia ha anche condotto, bilateralmente e in collaborazione con l’UNESCO, attività di supporto investigativo e di formazione a favore di funzionari di polizia e delle dogane di molti paesi in via di sviluppo, in particolare nel bacino del Mediterraneo e in America Latina, per contrastare il traffico illecito del patrimonio culturale.



Devi essere registrato per inviare un commento Entra o registrati